delegado ZERO
la más hermosa de todas las dudas es cuando los débiles y desalentados levantan su cabeza y dejan de creer en la fuerza de sus opresores

lunedì, ottobre 30, 2006

il caso oaxaca

polizia a oaxaca

Siccome c'e tanta confusione e immagino che specialmente all'estero le notizie arrivano sempre un po distorte...vorrei dire la mia, riprendendo un post che ho publicato sul blog di un amico che si occupa di Sud America...Per una ragione principalmente,cercare di spiegare (semmai ce ne fosse bisogno) che dipendendo dalla forma in cui vengono riportate le notizie (a volte una notizia nel "cammino" alla pubblicazione viene completamente distorta) se vengono politicamente corrette o "aggiustate"..oppure semplicemente per frutto dei nostri preconcetti.Se in base a questi e altri fattori siamo piu o meno informati correttamente
su quello che realmente succede nel mondo!Molti mi chiedono se non ho paura a vivere in mexico sentendo e leggendo sui giornali italiani quello che è successo e sta succedendo in Mexico a Oaxaca..Io come la magioranza dei mexicani mi sento completamente tranquillo,anche perche si enfatizzano i fatti successi a oaxaca piu all'estero che qui in Mexico....Non entro nella discussione perche questo Blog non si occupa di politica è solo un esempio di discussione tra qualcuno che vive il fatto e qualcuno che informandosi dei fatti cerca di farsene una opinione personale!



Post publicato sul blog diAntonio Pagliula

PFP toma control de Oaxaca

Luego de un operativo efectuado por tierra y aire, tropas de la Policía Federal Preventiva (PFP) tomaron el control de la capital oaxaqueña que estaba en manos de integrantes de la Asamblea Popular de los Pueblos de Oaxaca

El Universal

Limpia PFP Zócalo de Oaxaca
Tras los enfrentamientos, hoy las fuerzas federales levantaron los restos de barricadas que la APPO colocó en calles aledañas al centro

Reforma

Era ora che qualcuno prendesse l'iniziativa, con la scusa della democrazia,del rispetto delle opinioni di tutti,oaxaca era diventato un caso ,dove in nome di interessi politici o del tutto personali e approfittando dell'ingeniuta del popolo oaxaqueño la situazione era arrivata alla completa anarchia,causando nell'arco di mesi danni economici e culturali (vedi la chiusura delle scuole)assolutamente rilevanti.le ripercussioni sull'economia mexicana di questa istabilita ha causato la fuga di enormi capitali all'estero e la perdita di milioni di posti di lavoro,senza ovviamente contare le vite perse che superano di importanza qualsiasi altra valutazione,mi verrebbe da chiedere a certi benpensanti,certi sparasentenze che disconoscono i veri problemi del mexico e formentano certe situazioni con chiacchiere ignoranti il saldo di tutto questo disastro Io preferisco stare dlla parte dei mexicani che amano il loro paese e si rimboccano le maniche per renderlo migliore evitando di essere sbattuti come canne a secondo della direzione del vento..oggi sulla maggior trasmissione radio "Mariano" ascoltavo delle interviste a dei mexicani che si dissociavano dal governatore dello stato di oaxaca che formentava la rivolta chiamando la gente in piazza nel nome di un'unita comune...tutti gli intervistati si disconoscevano nel discorso del politico dicendo che mexico non è assolutamente come questo signore lo dipingeva e ne prendevano le distanze.eppoi una critica a noi italiani che se alcuni leghisti manifestano prendendo "con un trattore" il campanile di S.Marco a Venezia,siamo pronti a condannare e a chiedere l'intervento delle forze armate in nome di chissa quale unita nazionale..mentre se un politico in un paese straniero sobilla e formenta una mezza rivoluzione dove tra l'altro ci scappa anche qualche morto,causando un disastro economico e sociale,allora siamo pronti a giudicare o criticare l'eventuale intervento dello stato



ciao

3 commenti:

Isa ha detto...

no comment...:-D , e no perche sei un genio:-P, jajajaja..
Besos :-*
un articulo interessante, bien scritto , vedo anke ke fai progresso con html...

Antonio P. ha detto...

complimenti, purtroppo non ho potuto scrivere niente sul mio blog in questi giorni perche' mi trovo all'estero e sono molto occupato. rientrero' venerdi'. comunque scrivi pure sul mio blog senza problemi. la situazione a oaxaca sta degenerando. ti lascio campo libero. sicuramente dal messico avrai notizie anche migliori. appena rientro mi faccio sentire.

ciao e grazie

cinquetto ha detto...

Thanks Antonio...
Ribadisco la mia non vuole essere una citica ..tantomeno al tuo blog che per altro è fatto benissimo..(avrai notato che lo frequento spesso)è solo una presa di coscenza sulla deformita nel riportare le notizie dal momento in cui succedono i fatti,al momento della loro pubblicazione..i fattori che possono incidere sul esatto stato delle cose possono essere tanti..
Tutto qua....per quello che riguarda Oaxaca a oggi sono state arrestate in flagranza di reato solo 32 persone..un po poche per parlare di rivoluzione..Per flagranza di reato si intende coloro che hanno armi non denunciate,coloro che impediscono il normale funzionamento della vita publica e sociale blocando le strade con barricate o impedendo ai maesri di dare lezione nelle scuole!
Come vedi tutto assume una dimensione diversa...in base a come e quendo viene recepita una notizia!


ciao